Logo CIAC Onlus
Siamo(current)

Psea

LO SFRUTTAMENTO SESSUALE E L’ABUSO SESSUALE (SAS) NON sono comportamenti ACCETTABILI da parte del personale umanitario


DEVE ESSERE CHIARO CHE:

  • Dobbiamo rispettare i beneficiari dei servizi con rispetto e dignità in ogni momento 

  • Lo sfruttamento e l’abuso sessuale minacciano la vita delle persone che serviamo e sosteniamo

  • È vietata qualsiasi tipo di richiesta alle persone beneficiarie in cambio della fornitura di servizi

  • È vietato chiedere favori sessuali, sesso, denaro o beni ai beneficiari

  • Lo sfruttamento e l'abuso sessuale costituiscono atti di colpa grave e sono pertanto motivo di licenziamento

  • Qualsiasi forma di molestia sessuale nei confronti di un/a collega o di altro membro del personale è inaccettabile e non sarà tollerata

TUTTO IL PERSONALE DEVE RISPETTARE LE SEGUENTI REGOLE:

OGNI ATTO DI NATURA SESSUALE CON BAMBINI (PERSONE DI ETA’ INFERIORI AI 18 ANNI) È VIETATO indipendentemente dal consenso. La credenza errata sull'età di un bambino non costituisce una difesa

È VIETATO LO SCAMBIO DI DENARO, LAVORO, BENI O SERVIZI CON PRESTAZIONI SESSUALI, compresi favori sessuali o altre forme di comportamento umiliante, degradante o di sfruttamento. Ciò include lo scambio di assistenza dovuta ai beneficiari

È VIETATO QUALSIASI RAPPORTO SESSUALE TRA COLORO CHE FORNISCONO ASSISTENZA E PROTEZIONE UMANITARIA E UNA PERSONA CHE BENEFICIA DI TALE ASSISTENZA, CHE COMPORTI UN USO IMPROPRIO DEL GRADI O DELLA POSIZIONE. Tali rapportI minano la credibilità e l’integrità del lavoro di aiuto umanitario.

Qualora un operatore umanitario sviluppi preoccupazioni o sospetti riguardo all'abuso o allo sfruttamento sessuale da parte di un/una collega, sia nella stessa organizzazione o meno, DEVE SEGNALARE tali preoccupazioni tramite i meccanismi di segnalazione preposti

Gli operatori umanitari SONO OBBLIGATI A CREARE E MANTENERE UN AMBIENTE CHE PREVENGA LO  SFRUTTAMENTO E GLI ABUSI SESSUALI E PROMUOVA L'ATTUAZIONE DEL CODICE DI CONDOTTA. I manager a tutti i livelli hanno particolari responsabilità nel supportare e sviluppare sistemi che mantengano questo ambiente.

TUTTO IL PERSONALE UMANITARIO PUO' SEGNALARE QUALSIASI PREOCCUPAZIONE O SOSPETTO AI FOCAL POINT SAS DI QUALSIASI ORGANIZZAZIONE, INDIPENDENTEMENTE DAL LUOGO DELL’INCIDENTE


Chiama o scrivi un messaggio a: 
CIAC: Chiama: +39 393 6476153; Scrivi una Email: psea.focalpoint@ciaconlus.org

SCARICA IL VOLANTINO

-------

LO SFRUTTAMENTO SESSUALE E L’ABUSO SESSUALE (SAS) non hanno posto nel lavoro degli operatori del settore umanitario e delle organizzazioni che forniscono servizi umanitari

Se un membro del personale delle organizzazioni umanitarie tenta di ottenere o effettivamente ottiene favori sessuali, in cambio di denaro o altri beni, a tuo danno o a danno di qualcuno che conosci, o ha costretto te o qualsiasi altra persona a fare sesso o compiere qualsiasi altro atto di natura sessuale, SEGNALALO!

Puoi fare una segnalazione a qualsiasi organizzazione, direttamente, in forma anonima o per conto di qualcun altro. Fare una segnalazione di sfruttamento o abuso sessuale NON ti impedirà di ricevere assistenza né causerà l'interruzione della fornitura di alcun servizio.

COME SEGNALARE?


Rivolgiti a un membro del personale esperto o recati presso un ufficio dell’organizzazione coinvolta per presentare una segnalazione di persona
Chiama o scrivi un messaggio a 
CIAC: Chiama: +39 393 6476153 Scrivi una Email: psea.focalpoint@ciaconlus.org

LA TUA SEGNALAZIONE SARÀ ACCOLTA E NOI AGIREREMO PER VERIFICARE CHE TU SIA AL SICURO!

SCARICA IL POSTER
----------

Iscriviti alla nostra NEWSLETTER

Rimani aggiornato sulle nostre attività, per sostenerci e diffonderle

Vuoi diventare tutor?

Vuoi diventare tutor?

Sei un singolo cittadino o una famiglia? Fai parte di un’associazione, una parrocchia, un circolo e vuoi dare un supporto concreto ai rifugiati? Puoi diventare tutor per l'integrazione, stringendo una relazione relazione con una persona rifugiata che abita nel tuo territorio. Questo percorso aprirà delle porte sui mondi di entrambi: la persona rifugiata troverà nuovi amici e un sostegno pratico ed emotivo, mentre il tutor avrà l’opportunità di vedere da vicino realtà spesso conosciute solo attraverso i toni allarmistici dei media e della politica.

Sei un rifugiato?

Sei un rifugiato?

Sei un rifugiato o una rifugiata e hai bisogno di un sostegno nel tuo percorso di inclusione sociale in Italia? Puoi iscriverti per entrare in contatto con un volontario/volontaria o un'associazione che allargherà le tue reti sociale e le tue conoscenze nel territorio in cui vivi. Potrai trovare aiuto nell'affrontare piccole e grandi sfide quotidiane, supporto emotivo, occasioni per parlare italiano al di fuori della formalità dei corsi e per scoprire la città insieme a nuovi amici.

diventa volontario

diventa volontario

Ci sono tanti modi per avvicinarsi a CIAC e diventare volontari attivi. In base alle proprie competenze e al tempo che si desidera mettere a disposizione, concorderemo un percorso di avvicinamento all’associazione e di affiancamento agli operatori, così da individuare insieme il modo migliore per valorizzare la vostra disponibilità.

Sostienici


DONA ORA!
Questo sito web utilizza i cookie
Questo sito o gli strumenti di terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
Ulteriori informazioni
design komunica.it | cms korallo.it