Logo CIAC Onlus
Facciamo(current)

Tutor

Lorem ipsum
Lorem ipsum

TUTOR

Nasce nel 2016 come sperimentazione all’interno del progetto FAMI “Àncora: Progetto sperimentale di comunità a supporto dell’autonomia dei titolari di protezione internazionale”, il Tutor per l’integrazione è un soggetto privato – collettivo o individuale che “adotta” un percorso di integrazione sociale, mettendo a disposizione le proprie risorse relazionali e\o professionali per offrire un sostegno emotivo /relazionale ma anche pratico al rifugiato. Non ci sono vincoli di disponibilità oraria, ogni tutor gestisce il rapporto sulla base delle proprie possibilità. Leggi l’approfondimento e scopri come diventare tutor.

SCOPRI COME DIVENTARE UN TUTOR

Quali sono gli obiettivi comuni della relazione tra tutor e rifugiato?
La relazione tra tutor territoriale dell’integrazione e rifugiato non è una relazione di aiuto come quella tra operatore e utente. Ha invece le seguenti finalità:
1.promuovere attraverso la prossimità uno scambio interculturale significativo per entrambe le parti;
2.garantire un sostegno anche emotivo in una fase di transizione delicata attraverso una relazione interpersonale significativa;
3.facilitare la conoscenza e la comprensione del territorio e delle sue dinamiche sociali, politiche, economiche;
4.garantire un supporto sociale pratico sugli aspetti dell’autonomia ed un riferimento relazionale in caso di bisogno;
5.esprimere, valorizzare e socializzare in contesti partecipativi la presenza del beneficiario e delle sue specifiche caratteristiche, attitudini e capacità;
6.consolidare legami significativi, progressivamente sempre più reciproci e simmetrici.
In che cosa può impegnarsi un tutor?
Nel sostegno emotivo e relazionale del rifugiato, per esempio:
  • invitare ad eventi, iniziative culturali, incontri associativi, occasioni ludiche o riunioni familiari proprie del tutor;
  • garantire almeno un contatto telefonico settimanale ed almeno un incontro mensile per il tempo di durata del progetto;
  • raccontare e guidare alla scoperta di luoghi, persone e storie significative per il tutor;
  • proporre ed organizzare momenti di convivialità, uscite sul territorio, gite e altri momenti di socialità.
Nel supporto sociale pratico del rifugiato, per esempio:
  • apprendimento lingua italiana (conversazione);
  • accompagnamento alla ricerca di soluzioni abitative in autonomia;
  • supporto nel superamento degli esami di teoria e pratica della patente;
  • supporto nella lettura e nella comprensione di documenti burocratici e finanziari (es. conto corrente, contratti telefonici e di altre utenze, contratti di lavoro);
  • aiuto concerto nella conciliazione casa-lavoro (trasporti, baby sitting etc).
In che cosa può impegnarsi il rifugiato?
  • aggiornare i tutor tempestivamente su cambiamenti della propria situazione in Italia (lavoro, salute, decisioni etc);
  • esprimere gusti e preferenze personali;
  • proporre attività e iniziative da fare insieme;
  • garantire almeno un contatto telefonico settimanale ed almeno un incontro mensile per il tempo di durata del progetto;
  • raccontare e guidare alla scoperta di luoghi, persone e storie significative per il beneficiario.
Quali sono le fasi di attivazione del percorso di tutoraggio?
  • Segnalazione della disponibilità a CIAC;
  • Primo colloquio di conoscenza;
  • Partecipazione alla proposta formativa;
  • Presentazione del rifugiato al tutor;
  • Avvio del tutoraggio per l’integrazione;
  • Momenti di confronto e monitoraggio con CIAC.
Come partecipare 
Si può offrire  la propria disponibilità a diventare tutor compilando questo form on line. Ai tutor viene offerto, insieme al continuo supporto e raccordo con CIAC, un percorso formativo per approfondire tematiche generali sull’immigrazione e specifiche sulle relazioni interculturali

Un pic-nic per fare festa e scoprirsi a vicenda - FOTO E VIDEO

Un pic-nic per fare festa e scoprirsi a vicenda - FOTO E VIDEO

Circa 40 persone, 11 nazionalità, decine di piatti di tante culture, ore di gioco insieme, divertimento difficilmente misurabile, tanta tanta musica.

Quando un aperitivo ti apre un mondo... il progetto Community matching a Torino

Quando un aperitivo ti apre un mondo... il progetto Community matching a Torino

"E' stata una serata magnifica, ho conosciuto tante belle persone da tutto il mondo, ho parlato 3 lingue e ho iniziato ad impararne una quarta!". Questa frase rappresenta molto bene il senso del progetto community matching ma anche l'obiettivo dell'aperitivo che si è svolto nei giorni scorsi a Torino presso il locale a conduzione sociale Pandàn.

Iscriviti alla nostra NEWSLETTER

Rimani aggiornato sulle nostre attività, per sostenerci e diffonderle

Questo sito web utilizza i cookie
Questo sito o gli strumenti di terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
Ulteriori informazioni
design komunica.it | cms korallo.it