Logo CIAC Onlus
News(current)

A Lampedusa e nella Locride i profughi delle altre guerre

A Lampedusa l’hotspot destinato a contenere all’incirca 500 persone è arrivato a quota 1000 ospiti, portando la struttura ai limiti del collasso e mettendo a rischio la salute dei migranti. Si tratta per la maggior parte di donne, bambini e persone con problemi di salute, sia fisica che mentale.

rassegna stampa

Barche a LampedusaNascosta dalle notizie sull’invasione russa dell’Ucraina, un’altra tragedia della migrazione si sta consumando all’interno dei confini italiani. A Lampedusa l’hotspot destinato a contenere all’incirca 500 persone è arrivato a quota 1000 ospiti, portando la struttura ai limiti del collasso e mettendo a rischio la salute dei migranti. Si tratta per la maggior parte di donne, bambini e persone con problemi di salute, sia fisica che mentale. A denunciare la situazione è Mediterranean Hope, l’organizzazione legata alla Federazione delle chiese evangeliche che accompagna i richiedenti asilo nel loro percorso di inserimento nella società italiana.

Le persone che giungono a Lampedusa di giorno rischiano la disidratazione, aspettando sotto il sole al molo Favaloro o all’interno dell’hotspot, già provate dai viaggi in mare, mentre di notte a causa delle temperature molto più basse rischiano di ammalarsi e il centro non è in grado di accogliere in condizioni umane così tanti migranti. L’isola stessa, fa notare l’organizzazione umanitaria, è sprovvista di molti servizi, rendendo l’accoglienza una vana parola, e Mediteranean Hope chiede invece soluzioni di lungo periodo per gestire il fenomeno migratorio dalla Libia e dalla Tunisia e corridoi umanitari per chi scappa da Paesi in cui vengono calpestati i diritti delle persone.

CONTINUA A LEGGERE SU DIOGENE

Iscriviti alla nostra NEWSLETTER

Rimani aggiornato sulle nostre attività, per sostenerci e diffonderle

Vuoi diventare tutor?

Vuoi diventare tutor?

Sei un singolo cittadino o una famiglia? Fai parte di un’associazione, una parrocchia, un circolo e vuoi dare un supporto concreto ai rifugiati? Puoi diventare tutor per l'integrazione, stringendo una relazione relazione con una persona rifugiata che abita nel tuo territorio. Questo percorso aprirà delle porte sui mondi di entrambi: la persona rifugiata troverà nuovi amici e un sostegno pratico ed emotivo, mentre il tutor avrà l’opportunità di vedere da vicino realtà spesso conosciute solo attraverso i toni allarmistici dei media e della politica.

Sei un rifugiato?

Sei un rifugiato?

Sei un rifugiato o una rifugiata e hai bisogno di un sostegno nel tuo percorso di inclusione sociale in Italia? Puoi iscriverti per entrare in contatto con un volontario/volontaria o un'associazione che allargherà le tue reti sociale e le tue conoscenze nel territorio in cui vivi. Potrai trovare aiuto nell'affrontare piccole e grandi sfide quotidiane, supporto emotivo, occasioni per parlare italiano al di fuori della formalità dei corsi e per scoprire la città insieme a nuovi amici.

diventa volontario

diventa volontario

Ci sono tanti modi per avvicinarsi a CIAC e diventare volontari attivi. In base alle proprie competenze e al tempo che si desidera mettere a disposizione, concorderemo un percorso di avvicinamento all’associazione e di affiancamento agli operatori, così da individuare insieme il modo migliore per valorizzare la vostra disponibilità.

Sostienici


DONA ORA!
Questo sito web utilizza i cookie
Questo sito o gli strumenti di terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
Ulteriori informazioni
design komunica.it | cms korallo.it