Logo CIAC Onlus
News(current) Contattaci AFGHANISTAN

ADERISCI - Appello perché l’Italia ratifichi il Trattato ONU di proibizione delle armi nucleari

Sottoscrivi l’appello della Casa della pace di Parma affinché anche il nostro Parlamento ratifichi il Trattato dell’ONU sulla proibizione delle armi nucleari

Campagne

Nel luglio del 2017 l’Organizzazione delle Nazioni Unite ha votato un trattato che rende illegale non solo l’uso ma anche lo sviluppo, i test, la produzione, il commercio, il possesso, l’immagazzinamento, l’installazione e il dispiegamento di armi nucleari.

Il Trattato è stato approvato da 122 Paesi. L’Italia non era tra questi. Né lo ha successivamente ratificato con un atto parlamentare.

Il 22 gennaio 2021, al termine dei 90 giorni previsti dopo la 50esima ratifica da parte di parlamenti nazionali il Trattato è diventato giuridicamente vincolante per i Paesi che l’hanno firmato.

In Italia sono ancora presenti ordigni nucleari in alcune basi della Nato e a Ghedi, in provincia di Brescia, sono in atto lavori per strutture che possano ospitare nuovi aerei (gli F35) in grado di trasportare bombe nucleari di “nuova generazione”.

Nella tradizione dei movimenti per la pace di ideali e fedi diverse sottoscriviamo l’appello della “Casa della pace” di Parma affinché anche il nostro Parlamento ratifichi il Trattato dell’ONU.

Ognuno di noi nella sua vita ha fatto scelte che dall’obiezione di coscienza alla nonviolenza hanno cercato di dare seguito al monito della nostra Costituzione per “il ripudio della guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali”. Così come ci siamo riconosciuti nella denuncia della “follia della guerra” nell’epoca delle armi di annientamento di massa fatta da Papa Giovanni XXIII nella Pacem in Terris.

Con le armi di distruzione di massa e tecnologiche è definitivamente finita qualsiasi giustificazione etica e giuridica della guerra giusta.

Ci riconosciamo anche nella denuncia di Papa Francesco che a Hiroshima, il 24 novembre 2019, ha indicato come eticamente immorale non solo l’uso, ma lo stesso possesso di armi nucleari e di distruzione di massa. Aggiungendo: “Le nuove generazioni si alzeranno come giudici della nostra disfatta se abbiamo parlato di pace ma non l’abbiamo realizzata con le nostre azioni tra i popoli della Terra”.

Crediamo nella volontà dei nostri Costituenti che hanno con forza invitato a scelte di pace non attraverso le armi e la minaccia di annientamento totale di altri popoli, ma attraverso il dialogo, le scelte diplomatiche e la cooperazione internazionale.

Invitiamo con forza i nostri rappresentanti in Parlamento a ratificare il Trattato dell’ONU nel più breve tempo possibile, in coerenza con la volontà della nostra Costituzione e nel rispetto anche dei diritti delle future generazioni.

Invitiamo tutte le persone di buona volontà a sottoscrivere questo appello compilando il form qui sotto o inviando via email all’indirizzo casadellapaceparma@gmail.com indicando le proprie generalità e inserendo la dicitura “Sottoscrivo l’appello della Casa della pace di Parma affinché anche il nostro Parlamento ratifichi il Trattato dell’ONU sulla proibizione delle armi nucleari”.

Trasmetteremo l’appello sottoscritto alle istituzioni locali e nazionali.


Primi firmatari

Danilo Amadei, Emilio Rossi, p. Mario Menin, Rosanna Patrizi, Valentina Gessa, Michele Manfredi, p. Gianluigi Signori, don Luigi Valentini, Maurizio Artoni, Angela Bergonzi, Giovanni Bastoni, Vilma Ricci, Angela Marchini, Laura Caffagnini, Federica Folzani, Serena Rizzi, Letizia Zanoletti, Daniel Julien Folie, Alfredo Mori, Marta Corradi, Mario Brandini, Giovanni Facchinetti, Mariachiara Neri, Giovanni Mori, Elisa Groppi, M.Gabriella Bossi, Maria Teresa Marchesini, Andrea Beseghi, Liliana Castagneti, Antonella Paolillo, Nelly Bocchi, Franco Masini, Daniela Monteverdi, Francesca Fornari, Gildo Nardon, Mara Dallospedale, Sandro Campanini, Cecilia Marazzi, Michele Rossi, Aldo Montermini, Marcello Volta.

Cristo si è fermato a Lesbo: shame on you Europe, vergognati Europa

Cristo si è fermato a Lesbo: shame on you Europe, vergognati Europa

Ripubblichiamo con piacere un testo scritto da Paolo Scarpa e pubblicato su ITALIA LIBERA nei giorni scorsi. 

DIVERSE PROSSIMITA' - La mia esperienza da tutor territoriale per l'integrazione in tempi di pandemia

DIVERSE PROSSIMITA' - La mia esperienza da tutor territoriale per l'integrazione in tempi di pandemia

Nel tempo in cui la responsabilità collettiva richiama le distanze fisiche e il senso di solitudine rischia di ingombrare le nostre vite, è importante trovare altre strategie di prossimità per non interrompere quelli che sono i fili conduttori delle nostre relazioni interpersonali.  A settembre ho scelto di iniziare il percorso da tutor territoriale per l'integrazione: si tratta di un progetto di Ciac dal quale possono nascere esperienze di comunità interculturale e opportunità di socializzazione tra volontari e rifugiati.

Iscriviti alla nostra NEWSLETTER

Rimani aggiornato sulle nostre attività, per sostenerci e diffonderle

Questo sito web utilizza i cookie
Questo sito o gli strumenti di terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
Ulteriori informazioni
design komunica.it | cms korallo.it