Logo CIAC Onlus
News(current) Contattaci DONA

Approvati i Decreti immigrazione: soddisfatti, ma resta molto da fare

“Un primo risultato positivo, parziale ma utile e importante per aprire un nuovo ciclo di riforme sull’intera gestione del sistema immigrazione in Italia”. Con queste parole Ciac saluta la conversione in legge dei Decreti Immigra-zione avvenuta ieri in Senato.

Cronaca

Approvati i Decreti immigrazione: soddisfatti, ma resta molto da fare

No ai decreti Salvini
"Un primo risultato positivo, parziale ma utile e importante per aprire un nuovo ciclo di riforme sull’intera gestione del sistema immigrazione in Italia”. Con queste parole Ciac saluta la conversione in legge dei Decreti Immigra-zione avvenuta ieri in Senato. “Crediamo che sia anche una nostra prima vittoria, sin dall’inizio abbiamo contrastato in tutti i modi le evidenti storture presenti nei decreti Salvi-ni che ora vengono superati, anche se ancora non in maniera definitiva e abbiamo lavorato insieme per una nuova normativa che rispettasse i diritti dei cittadini migranti”. 

Per Ciac si tratta comunque di un passo avanti. “Dopo anni di chiusure e leggi restrittive assistiamo ad alcuni passi nella giusta direzione: la nuova protezione speciale con cui l’Italia torna a dotarsi di un vero status di diritto soggettivo conforme alla nostra Costituzione; la riforma del sistema di accoglienza che permetterà di dare ai migranti una accoglienza degna di questo nome; la convertibilità di alcune tipologie di permessi di soggiorno in permesso per lavoro. Ci sono anche alcune cose che non ci convincono, in particolare riguardo al soccorso in mare: resta il divieto di accesso alle acque italiane e le relative multe (anche se abbassate) ed è stato introdotto il reato penale e non solo amministrativo”.

Secondo Ciac resta ancora molto da fare. “La nostra battaglia a fianco dei migranti certamente non si ferma. Prima di tutto dovremo vigilare sulla corretta attuazione della legge e poi continuare a lavorare per migliorare le condizione di vita dei migranti, coinvolgendoli direttamente nel processo decisionale”.

DIVERSE PROSSIMITA' - La mia esperienza da tutor territoriale per l'integrazione in tempi di pandemia

DIVERSE PROSSIMITA' - La mia esperienza da tutor territoriale per l'integrazione in tempi di pandemia

Nel tempo in cui la responsabilità collettiva richiama le distanze fisiche e il senso di solitudine rischia di ingombrare le nostre vite, è importante trovare altre strategie di prossimità per non interrompere quelli che sono i fili conduttori delle nostre relazioni interpersonali.  A settembre ho scelto di iniziare il percorso da tutor territoriale per l'integrazione: si tratta di un progetto di Ciac dal quale possono nascere esperienze di comunità interculturale e opportunità di socializzazione tra volontari e rifugiati.

"Sono cose che capitano...". Quando la violenza di genere fa male due volte

In occasione della Giornata contro la violenza sulle donne pubblichiamo il racconto di una aggressione che fa male due volte: nel fatto in sé e nella risposta delle istituzioni al tentativo di denuncia. "Non siete diversi dagli aggressori, dai molestatori, dai violenti, dagli oppressori. Siete solo meno visibili e più insospettabili, l’altra faccia del patriarcato, quella più subdola e meschina. Ma stiamo imparando a riconoscervi, e non ci fate paura".

Iscriviti alla nostra NEWSLETTER

Rimani aggiornato sulle nostre attività, per sostenerci e diffonderle

Questo sito web utilizza i cookie
Questo sito o gli strumenti di terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
Ulteriori informazioni
design komunica.it | cms korallo.it