Logo CIAC Onlus
News(current) NO AI CAMPI, SI ALLE PERSONE

BLOCCATI E SFRUTTATI - Rifugiati e richiedenti asilo in Italia tra esclusione, discriminazione e lotte

Pubblichiamo un estratto dal libro "Stuck and Exploited - Refugees and Asylum Seekers in Italy Between Exclusion, Discrimination and Struggles"

approfondimenti
Stuck and ExploitedPubblichiamo un estratto dal libro "Stuck and Exploited - Refugees and Asylum Seekers in Italy Between Exclusion, Discrimination and Struggles" che contiene il contributo della responsabile dell'area Progettazione, ricerca e comunicazione di Ciac, Chiara Marchetti. Il titolo del suo testo è: "WONDERFUL WORLD HOUSE - Dall'esclusione alle relazioni interculturali all'indomani del DL 113/2018 (Decreto Immigrazione e Sicurezza)". 

WONDERFUL WORLD HOUSE
Questo capitolo offre una panoramica del ruolo delle relazioni sociali nelle pratiche di accoglienza verso richiedenti asilo e rifugiati, aggiornando tali considerazioni nel quadro del Decreto Immigrazione e Sicurezza. L'esperienza della Wonderful World House di Parma viene descritta come una reazione alle politiche di esclusione attuate a livello nazionale e viene analizzata come uno spazio che offre opportunità di collocamento sia ai migranti che agli italiani. La parte finale confronta l'esperienza di Wonderful World con i concetti di azione sociale diretta e innovazione sociale, al fine di prefigurare il suo impatto a medio e lungo termine nel processo decisionale in materia di asilo.

VISITA IL SITO 

SCARICA IL CAPITOLO





IL LIBRO
Il volume analizza i processi di esclusione, le dinamiche di segregazione e le forme di discriminazione dei rifugiati e dei richiedenti asilo in Italia, dove il sistema di accoglienza è caratterizzato da opacità e arbitrarietà e sta diventando sempre più simile al modello dei “campi”. I numerosi e vibranti contributi presentano un vero e proprio sistema di inferiorità, caratterizzato da sfruttamento lavorativo, disagio abitativo, scarsi diritti e strategie di controllo, esacerbato dalla pandemia di COVID-19, che ha portato a un forte peggioramento della salute, del lavoro, dell'alloggio e condizioni amministrative. Un quadro che ha trovato opposizione nella resistenza quotidiana e nelle lotte dei richiedenti asilo.

SCARICA L'INTERO LIBRO

Un cerchio di donne riunite attorno a Believe, futura madre

Un cerchio di donne riunite attorno a Believe, futura madre

Così si è concluso Sabato 25 Novembre il percorso Community doulas – Accompagnamento interculturale alla maternità, che ha coinvolto un gruppo di nove donne migranti e native, con l’obiettivo di formare dei profili in grado di fungere da “ponte” per supportare donne migranti in gravidanza e neomamme nell’accesso ai servizi socio-sanitari del territorio e nell'attivazione di risorse e competenze, con un approccio "peer-to-peer". 

Una macchina da cucire e una tazza di tè: bastano per riconoscersi

Una macchina da cucire e una tazza di tè: bastano per riconoscersi

La storia di due giovani donne provenienti da mondi geograficamente distanti, ma che tra gesti, sguardi e sorrisi si sono reciprocamente scopert

Iscriviti alla nostra NEWSLETTER

Rimani aggiornato sulle nostre attività, per sostenerci e diffonderle

Questo sito web utilizza i cookie
Questo sito o gli strumenti di terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
Ulteriori informazioni
design komunica.it | cms korallo.it