Logo CIAC Onlus
News(current) Contattaci DONA

Cercavano di raggiungere la Francia, undici migranti travolti da un treno, due morti

Camminavano, come tanti, seguendo i binari con un unico obiettivo: lasciare l'Italia e raggiungere la Francia.

Cronaca

Cercavano di raggiungere la Francia, undici migranti travolti da un treno, due morti

Camminavano, come tanti, seguendo i binari con un unico obiettivo: lasciare l'Italia e raggiungere la Francia. Il loro sogno è stato interrotto poco prima del confine, quando un treno alle loro spalle li ha colti di sorpresa travolgendoli e interrompendo tragicamente il cammino della speranza, dopo chissà quante peripezie per arrivare sino a qui.

L'ennesima tragedia dell'immigrazione è accaduta nella tarda serata di ieri sulla linea ferroviaria del ponente ligure, circa 400 metri prima della stazione di Quiliano-Vado. Erano da poco passate le 23.20, quando il treno regionale veloce 3042, appena partito da Savona e diretto ad Albenga ha urtato un gruppo di giovani immigrati di etnia curda, 11 in tutto, età media 18-20 anni: due di loro sono morti, mentre altri due hanno riportato ferite lievi e sono stati accompagnati all'ospedale San Paolo di Savona per essere medicati e successivamente dimessi.

Secondo le prime informazioni raccolte, il macchinista - che ha poi dato l'allarme - si sarebbe accorto troppo tardi della loro presenza sia per il buio che per la normale velocità sostenuta ( la prima fermata era a Spotorno-Noli). Sul posto, il 118 ha inviato diverse ambulanze e automedica da Savona, Albissola e Spotorno, la Polfer (polizia ferroviaria) con l'ausilio delle pattuglie della Volante e i vigili del fuoco per i rilievi di rito, il sindaco quilianese Nicola Isetta e la vicesindaco Nadia Ottonello, volontari della locale protezione civile e il pm di turno. Dopo la rimozione delle salme il convoglio è ripartito con due ore di ritardo anche se i passeggeri erano stati fatti preventivamente scendere e trasbordati a mezzo pullman alle rispettive destinazioni.

I nove ragazzi sono stati portati in questura per l'identificazione e le formalità del caso e dunque trattenuti, in attesa di trovare un mediatore culturale che funga da interprete e riesca a farsi dire la loro storia, da dove arrivavano e perché si trovassero lì: non parlano alcuna lingua straniera oltre alla loro ed erano comprensibilmente agitati per l'accaduto. Tra le ipotesi formulate, che siano arrivati nel savonese a bordo di qualche autoarticolato o via mare nascosti in una motonave, per arrivare al confine di Ventimiglia e passare in Francia. Capita purtroppo spesso che migranti appena arrivati e privi delle conoscenze del territorio si incamminino lungo i binari o in autostrada, con la convinzione di trovarsi a poca distanza dalla frontiera.

DIVERSE PROSSIMITA' - La mia esperienza da tutor territoriale per l'integrazione in tempi di pandemia

DIVERSE PROSSIMITA' - La mia esperienza da tutor territoriale per l'integrazione in tempi di pandemia

Nel tempo in cui la responsabilità collettiva richiama le distanze fisiche e il senso di solitudine rischia di ingombrare le nostre vite, è importante trovare altre strategie di prossimità per non interrompere quelli che sono i fili conduttori delle nostre relazioni interpersonali.  A settembre ho scelto di iniziare il percorso da tutor territoriale per l'integrazione: si tratta di un progetto di Ciac dal quale possono nascere esperienze di comunità interculturale e opportunità di socializzazione tra volontari e rifugiati.

"Sono cose che capitano...". Quando la violenza di genere fa male due volte

In occasione della Giornata contro la violenza sulle donne pubblichiamo il racconto di una aggressione che fa male due volte: nel fatto in sé e nella risposta delle istituzioni al tentativo di denuncia. "Non siete diversi dagli aggressori, dai molestatori, dai violenti, dagli oppressori. Siete solo meno visibili e più insospettabili, l’altra faccia del patriarcato, quella più subdola e meschina. Ma stiamo imparando a riconoscervi, e non ci fate paura".

Iscriviti alla nostra NEWSLETTER

Rimani aggiornato sulle nostre attività, per sostenerci e diffonderle

Questo sito web utilizza i cookie
Questo sito o gli strumenti di terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
Ulteriori informazioni
design komunica.it | cms korallo.it