Logo CIAC Impresa sociale ETS
News(current) NO AI CAMPI, SI ALLE PERSONE

Ciac: “Solidarietà alla pacifica protesta dei richiedenti asilo”

“Esprimiamo la nostra piena solidarietà ai richiedenti asilo che chiedono soltanto il riconoscimento dei loro diritti”. Con queste parole Ciac prende posizione sulla protesta pacifica di una decina di migranti di origine pakistana che da alcuni giorni stazionano davanti alla sede di Strada Cavestro a Parma.

Comunicati stampa

“Esprimiamo la nostra piena solidarietà ai richiedenti asilo che chiedono soltanto il riconoscimento dei loro diritti”. Con queste parole Ciac prende posizione sulla protesta pacifica di una decina di migranti di origine pakistana che da alcuni giorni stazionano davanti alla sede di Strada Cavestro a Parma. “Queste persone – dicono i rappresentanti dell’ente di tutela – hanno effettuato diversi mesi fa la procedura legale per avere i documenti e avrebbero diritto all’accoglienza prefettizia, ma la loro situazione resta in un limbo che non gli permette di avere alcun diritto”.

I richiedenti asilo in via Cavestro

La manifestazione è portata avanti con gentilezza e in maniera silenziosa e pacifica. “Si tratta di persone giovani – spiegano da Ciac – che hanno una storia migratoria molto lunga, caratterizzata da torture e violenze sulla rotta balcanica, sono arrivati a Parma nel corso dell’estate allo stremo delle forze e le loro condizioni continuano a peggiorare. Si aspettano da Ciac aggiornamenti sulla loro situazione: li abbiamo sostenuti nella presentazione della domanda di asilo, ma questo non è sufficiente per completare la procedura e fargli ottenere un permesso di soggiorno perché è richiesto un domicilio. Allo stesso tempo gli è impedito l’accesso all’accoglienza istituzionale, anche se ne avrebbero diritto, perché non ci sono posti disponibili su tutto il territorio nazionale”.

Sono oltre sessanta le persone nella città di Parma nelle stesse condizioni dei giovani che oggi protestano, perfettamente regolari sul territorio ma che non hanno alcun tipo di assistenza, costretti a dormire per strada e spesso preda delle reti di sfruttamento per mancanza di alternative, nonché esposti alle intemperie, a furti e minacce. “Quanto sta accadendo – concludono da Ciac – dimostra, ancora una volta, la completa insufficienza del sistema di accoglienza italiano, legato soltanto a risposte emergenziali e basato su centri di accoglienza straordinaria. Una condizione drammatica che denunciamo da anni”.

Un cerchio di donne riunite attorno a Believe, futura madre

Un cerchio di donne riunite attorno a Believe, futura madre

Così si è concluso Sabato 25 Novembre il percorso Community doulas – Accompagnamento interculturale alla maternità, che ha coinvolto un gruppo di nove donne migranti e native, con l’obiettivo di formare dei profili in grado di fungere da “ponte” per supportare donne migranti in gravidanza e neomamme nell’accesso ai servizi socio-sanitari del territorio e nell'attivazione di risorse e competenze, con un approccio "peer-to-peer". 

Una macchina da cucire e una tazza di tè: bastano per riconoscersi

Una macchina da cucire e una tazza di tè: bastano per riconoscersi

La storia di due giovani donne provenienti da mondi geograficamente distanti, ma che tra gesti, sguardi e sorrisi si sono reciprocamente scopert

Iscriviti alla nostra NEWSLETTER

Rimani aggiornato sulle nostre attività, per sostenerci e diffonderle

Questo sito web utilizza i cookie
Questo sito o gli strumenti di terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
Ulteriori informazioni
design komunica.it | cms korallo.it