Logo CIAC Onlus
News(current) Contattaci DONA

Ciac aderisce alla rete Rivolti ai Balcani: E' in corso una catastrofe umanitaria

Cronaca

Ciac aderisce alla rete Rivolti ai Balcani: E' in corso una catastrofe umanitaria

balcani

La situazione sulla rotta balcanica è drammatica: migliaia di persone bloccate in mezzo alla neve, senza la possibilità di avere un posto sicuro in cui stare e che mettono a rischio la loro stessa vita per raggiungere l'Italia. 
Proprio per sensibilizzare su questi temi, fare pressione sui governi europei e attivare aiuti concreti è nata alcuni mesi fa la rete Rivolti ai Balcani. Ciac, conoscendo e collaborando da svariati anni con realtà impegnate in questo progetto, ha deciso di aderire alla Rete che sta lavorando concretamente sul confine triestino per provare a migliorare la vita di decine di persone. 

Gli obiettivi della rete sono molti: raccontare, denunciare, aiutare. Vi invitiamo, quindi, a sostenere economicamente questo progetto concreto per cambiare le cose, anche attraverso una donazione economica.


Visita la pagina facebook della rete 



PER SOSTENERE CONCRETAMENTE LA RETE RIVOLTI AI BALCANI

IBAN: IT60 P050 1811 2000 0001 6941 767

Causale: Sostegno a RiVolti ai Balcani

Intestatario: Ass. ADL a Zavidovici 



L'APPELLO DELLA RETE

Nel gelo e sotto la neve di fine anno alle porte dell'Europa è da tempo in corso una catastrofe umanitaria. Al momento sono 3000 le persone che vagano da giorni nel cantone di Una-Sana, situato nella parte nord-occidentale della Bosnia, costrette a vivere all'addiaccio con temperature sotto lo zero. 1500 di esse provengono dal distrutto campo temporaneo di Lipa, a 30 km da Bihać, per le quali ancora non si è trovata una soluzione.

La situazione, già grave in termini di termini di tutela dei diritti umani e rispetto della dignità personale è precipitata. Alcuni hanno provato a raggiungere la Croazia, dove avvengono continui respingimenti da parte della polizia. Altri non hanno avuto altra scelta se non quella di vagare per i boschi.

Anche nel caso una soluzione venga trovata nei prossimi giorni per i profughi dell'ex campo Lipa si tratterà di una risposta temporanea e precaria. Inoltre molte altre centinaia di persone vivono da tempo fuori da ogni campo, e continueranno a rimanere senza assistenza. L'emergenza durerà mesi, molto più dell'inverno.

La rete RiVolti ai Balcani – composta da oltre 36 realtà e singoli impegnati a difesa dei diritti delle persone e dei principi fondamentali sui quali si basano la Costituzione italiana e le norme europee e internazionali – chiede all’Unione europea, all’Alto Commissariato per i rifugiati delle Nazioni Unite, alla delegazione dell’Ue all’Alto rappresentante in Bosnia Erzegovina, all’International Organization for Migration, al Consiglio dei Ministri della Bosnia erzegovina, alle autorità del Cantone Una Sana e del Comune di Bihać, alle autorità delle due entità del paese – la Federazione e la Republika Srpska di:

trovare una soluzione immediata all’attuale emergenza umanitaria nell’area di Bihać e in Bosnia Erzegovina in generale;
individuare soluzioni di sistema a lungo termine che dotino la Bosnia Erzegovina di un effettivo sistema di accoglienza e protezione dei rifugiati;
attivare un programma di evacuazione umanitaria e di ricollocamento dei migranti in tutti i paesi dell’Unione Europea.
Continua a nevicare e le temperatura sono sotto lo zero. Per permettere la distribuzione di beni di prima necessità e per portare avanti un intervento di supporto emergenziale e logistico per tutte le persone in estrema difficoltà puoi fare una donazione.

DIVERSE PROSSIMITA' - La mia esperienza da tutor territoriale per l'integrazione in tempi di pandemia

DIVERSE PROSSIMITA' - La mia esperienza da tutor territoriale per l'integrazione in tempi di pandemia

Nel tempo in cui la responsabilità collettiva richiama le distanze fisiche e il senso di solitudine rischia di ingombrare le nostre vite, è importante trovare altre strategie di prossimità per non interrompere quelli che sono i fili conduttori delle nostre relazioni interpersonali.  A settembre ho scelto di iniziare il percorso da tutor territoriale per l'integrazione: si tratta di un progetto di Ciac dal quale possono nascere esperienze di comunità interculturale e opportunità di socializzazione tra volontari e rifugiati.

"Sono cose che capitano...". Quando la violenza di genere fa male due volte

In occasione della Giornata contro la violenza sulle donne pubblichiamo il racconto di una aggressione che fa male due volte: nel fatto in sé e nella risposta delle istituzioni al tentativo di denuncia. "Non siete diversi dagli aggressori, dai molestatori, dai violenti, dagli oppressori. Siete solo meno visibili e più insospettabili, l’altra faccia del patriarcato, quella più subdola e meschina. Ma stiamo imparando a riconoscervi, e non ci fate paura".

Iscriviti alla nostra NEWSLETTER

Rimani aggiornato sulle nostre attività, per sostenerci e diffonderle

Questo sito web utilizza i cookie
Questo sito o gli strumenti di terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
Ulteriori informazioni
design komunica.it | cms korallo.it