Logo CIAC Impresa sociale ETS
News(current) NO AI CAMPI, SI ALLE PERSONE

Franco Masini, volontario di Ciac e alla guida del centro Salam a Khartoum per Emergency

Il cardiologo, quando è Parma, è attivo nella casa Wonderful World gestita da Ciac. Ha raccontato l'esperienza in Africa in una intervista

rassegna stampa
"La condivisione, essere utile agli altri". E' questa la molla che spinge Franco Masini, cardiologo parmigiano, a mettersi in gioco come "medical coordinator" dell'ospedale cardiologico gestito da Emergency a Khartoum in Sudan. Franco, cardiologo con oltre quarant'anni di esperienza all'ospedale di Parma, è - quando si trova a Parma - uno dei volontari più attivi nella casa Wonderful World gestita da Ciac. Il medico parmigiano si è raccontato in una intervista alla Gazzetta di Parma. 

Il dottor Masini è alla guida dell'unico centro di cardiologia completamente gratuito in tutta l'Africa: un luogo di eccellenza che permette di dare cure molto avanzate pari o migliori di quelle che si possono trovare nei grandi ospedali europei o americani. "Volevo usare la mia esperienza professionale - ha detto alla Gazzetta - per fare volontariato. Sono sempre stato contento del mio lavoro al Maggiore di Parma, ma il Salam lo sento più mio". La vita in Sudan non è facile. oltre al lavoro complesso di gestire una struttura così grande c'è anche la difficoltà di vivere in un paese in cui "è in corso una gravissima crisi economica e politica che complica tutto".  Ma certo le soddisfazioni sono tante: "Non tutti lo sanno - dice Masini - ma questi sono ospedali dove vorresti essere curato tu e le persone a cui vuoi bene, anche meglio che nei paesi industrializzati".

Masini sarà ospite domenica 4 settembre al Festival di Emergency a Reggio Emilia, all'incontro "Terzo settore: quanto fa bene, a chi fa bene?" in piazza Prampolini alle 18.

QUI IL PROGRAMMA COMPLETO

L'articolo della Gazzetta

Un cerchio di donne riunite attorno a Believe, futura madre

Un cerchio di donne riunite attorno a Believe, futura madre

Così si è concluso Sabato 25 Novembre il percorso Community doulas – Accompagnamento interculturale alla maternità, che ha coinvolto un gruppo di nove donne migranti e native, con l’obiettivo di formare dei profili in grado di fungere da “ponte” per supportare donne migranti in gravidanza e neomamme nell’accesso ai servizi socio-sanitari del territorio e nell'attivazione di risorse e competenze, con un approccio "peer-to-peer". 

Una macchina da cucire e una tazza di tè: bastano per riconoscersi

Una macchina da cucire e una tazza di tè: bastano per riconoscersi

La storia di due giovani donne provenienti da mondi geograficamente distanti, ma che tra gesti, sguardi e sorrisi si sono reciprocamente scopert

Iscriviti alla nostra NEWSLETTER

Rimani aggiornato sulle nostre attività, per sostenerci e diffonderle

Questo sito web utilizza i cookie
Questo sito o gli strumenti di terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
Ulteriori informazioni
design komunica.it | cms korallo.it