Logo CIAC Impresa sociale ETS
News(current) NO AI CAMPI, SI ALLE PERSONE

“Non c’è pace senza disarmo”. Dieci candidati firmano per l’Assessorato per la Pace

Marco Adorni, Andrea Bui, Michela Canova, Dario Costi, Luca Galardi, Michele Guerra, Giampaolo Lavagetto, Enrico Ot-tolini, Roberta Roberti, Pietro Vignali, i quali hanno tutti firmato l’impegno a realizzare l’Assessorato.

Comunicati stampa
Casa della pace - assessorato

Tra il dicembre e il gennaio scorsi la Casa della pace di Parma aveva definito un appello affinché nel Comune di Parma sia realizzato un Assessorato per la pace come parte integrante della prossima Giunta, con l’intenzione di sottoporre l’appello a chi si fosse candidato a sindaco. Quanto da fine febbraio sta accadendo ha reso ancor più necessaria la proposta, giunta quindi ai candidati con la sottoscrizione di 48 associazioni di Parma e di centinaia di cittadini.

Ieri, 6 maggio, presso la sala conferenze dei Missionari Saveriani, si è svolto il partecipatissimo in-contro pubblico con le candidate e i candidati a sindaco di Parma. Presenti: Marco Adorni, Andrea Bui, Michela Canova, Dario Costi, Luca Galardi, Michele Guerra, Giampaolo Lavagetto, Enrico Ot-tolini, Roberta Roberti, Pietro Vignali, i quali hanno tutti firmato l’impegno a realizzare l’Assessorato in tutti i punti che nell’appello sono enunciati.

Il testo dell’appello firmato da candidate e candidati a sindaco è leggibile a QUESTA PAGINA 

Un cerchio di donne riunite attorno a Believe, futura madre

Un cerchio di donne riunite attorno a Believe, futura madre

Così si è concluso Sabato 25 Novembre il percorso Community doulas – Accompagnamento interculturale alla maternità, che ha coinvolto un gruppo di nove donne migranti e native, con l’obiettivo di formare dei profili in grado di fungere da “ponte” per supportare donne migranti in gravidanza e neomamme nell’accesso ai servizi socio-sanitari del territorio e nell'attivazione di risorse e competenze, con un approccio "peer-to-peer". 

Una macchina da cucire e una tazza di tè: bastano per riconoscersi

Una macchina da cucire e una tazza di tè: bastano per riconoscersi

La storia di due giovani donne provenienti da mondi geograficamente distanti, ma che tra gesti, sguardi e sorrisi si sono reciprocamente scopert

Iscriviti alla nostra NEWSLETTER

Rimani aggiornato sulle nostre attività, per sostenerci e diffonderle

Questo sito web utilizza i cookie
Questo sito o gli strumenti di terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
Ulteriori informazioni
design komunica.it | cms korallo.it