Logo CIAC Onlus
News(current) Contattaci DONA

Permessi di soggiorno in cambio di soldi, Ciac: "Fatto grave e inquietante"

L'arresto di un'agente dell'ufficio immigrazione della Questura di Parma con l'accusa di aver concesso permessi di soggiorno agevolati in cambio di denaro è, allo stesso tempo, un fatto grave e inquietante.

Cronaca

Permessi di soggiorno in cambio di soldi, Ciac: "Fatto grave e inquietante"

L'arresto di un'agente dell'ufficio immigrazione della Questura di Parma con l'accusa di aver concesso permessi di soggiorno agevolati in cambio di denaro è, allo stesso tempo, un fatto grave e inquietante. Inquietante perché offende una istituzione che è tutela di legalità. Grave perché dimostrerebbe che, quando si indeboliscono i diritti, aumentano l'arbitrio, la ricattabilità sociale e la mera speculazione.

In attesa di ulteriori sviluppi dell'indagine, appare chiaro che le politiche di precarizzazione estrema dei diritti di migranti di questi anni hanno creato, anche nella nostra città, una vera e propria "zona grigia", popolata di intermediari senza scrupoli, che speculano sulla fragilità per interessi economici, inquinando il tessuto sociale , indebolendo la comunità, compromettendo l'integrazione.

Osserviamo e combattiamo questo degrado quotidianamente con il nostro lavoro a fianco di chi emigra e per questo crediamo sia fondamentale far luce e pulizia su queste dinamiche che speculano sulla fragilità sociale di chi non ha voce e spesso nessuna rappresentanza. Come Ciac continueremo a combattere perché tutti i cittadini possano godere a pieno dei propri diritti, anche attraverso servizi pubblici trasparenti e tutelanti.

DIVERSE PROSSIMITA' - La mia esperienza da tutor territoriale per l'integrazione in tempi di pandemia

DIVERSE PROSSIMITA' - La mia esperienza da tutor territoriale per l'integrazione in tempi di pandemia

Nel tempo in cui la responsabilità collettiva richiama le distanze fisiche e il senso di solitudine rischia di ingombrare le nostre vite, è importante trovare altre strategie di prossimità per non interrompere quelli che sono i fili conduttori delle nostre relazioni interpersonali.  A settembre ho scelto di iniziare il percorso da tutor territoriale per l'integrazione: si tratta di un progetto di Ciac dal quale possono nascere esperienze di comunità interculturale e opportunità di socializzazione tra volontari e rifugiati.

"Sono cose che capitano...". Quando la violenza di genere fa male due volte

In occasione della Giornata contro la violenza sulle donne pubblichiamo il racconto di una aggressione che fa male due volte: nel fatto in sé e nella risposta delle istituzioni al tentativo di denuncia. "Non siete diversi dagli aggressori, dai molestatori, dai violenti, dagli oppressori. Siete solo meno visibili e più insospettabili, l’altra faccia del patriarcato, quella più subdola e meschina. Ma stiamo imparando a riconoscervi, e non ci fate paura".

Iscriviti alla nostra NEWSLETTER

Rimani aggiornato sulle nostre attività, per sostenerci e diffonderle

Questo sito web utilizza i cookie
Questo sito o gli strumenti di terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
Ulteriori informazioni
design komunica.it | cms korallo.it