Logo CIAC Impresa sociale ETS
News(current) NO AI CAMPI, SI ALLE PERSONE

Un successo la presentazione di "Vite al centro. Cronache dell'attesa" - LE FOTO

Un dialogo serrato tra l'autrice Raffaella Greco Tonegutti e la responsabile dell'area progettazione di Ciac Chiara Marchetti, intervallato dalla lettura di brani del libro, ha catturato l'attenzione del pubblico

Cronaca
Un momento della presentazione di Vite al centroUn dialogo serrato tra l'autrice Raffaella Greco Tonegutti e la responsabile dell'area progettazione di Ciac Chiara Marchetti, intervallato dalla lettura di brani del libro, ha catturato l'attenzione del pubblico intervenuto alla presentazione di "Vite al centro. Cronache dell'attesa". Quanto c'è di diverso e quanto di simile tra le esperienze quotidiane di chi vive in un centro con più di 300 persone, regole difficili da decifrare e nessun vero contatto con il mondo esterno (questa la situazione descritta nelle 162 cronache che compongono il libro) e le esperienze di chi vive invece in un appartamento dove si sviluppa un'accoglienza integrata, diffusa ed emancipante? Tante e radicali le differenze, che ci confermano la necessità di adottare un approccio che metta al centro la relazione e la soggettività dei rifugiati.

Ma rimane anche l'amara consapevolezza che la condanna di un'attesa imperscrutabile e imprevedibile segna il destino degli uni come degli altri: "Prenditi il tuo tempo, ne avrai bisogno. Ci sarà da aspettare. Non chiedere quanto, nessuno saprà dirlo. Abbi pazienza, tutta quella che ti è avanzata nel tragitto. Se sei arrivato fin qui pensando che finalmente fosse finita e che avresti potuto alleggerire testa e cuore, ti sbagliavi. Sei solo all'inizio. [...] Mettiti comodo, ingoia l'orgoglio e le aspettative. Cerca di diventare invisibile e tutto sarà più facile. Corpo muto. A noi non interessa sapere cosa ti abbia spinto fin qui. Se stai buono e non fai rumore, ti tollereremo. E la chiamano libertà".

CLICCA SULLE FOTO PER VEDERE LA GALLERIA

L'accoglienza? E' diventata affido!

L'accoglienza? E' diventata affido!

Una mamma, la figlia adolescente e due cani vogliosi di coccole. Ma in questa casa c’è qualcosa di diverso. Seduto sul divano c’è Bashir un giovanissimo Gambiano che sino a pochi giorni fa viveva nel campo di Martorano

Energia e sorellanza

Energia e sorellanza

Durante il Safe Space si sono condivise le sensazioni sulla giornata dell'8 marzo. Sia chi parlava sia chi scriveva le sue parole sui bigliettini ha reso chiara la forza delle donne.

Iscriviti alla nostra NEWSLETTER

Rimani aggiornato sulle nostre attività, per sostenerci e diffonderle

Questo sito web utilizza i cookie
Questo sito o gli strumenti di terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
Ulteriori informazioni
design komunica.it | cms korallo.it