Logo CIAC Onlus
News(current)

‘Un ponte di corpi’ anche a Parma: 250 in presidio. “Basta al trattamento disumano dei migranti” - IL VIDEO

Oltre 250 persone hanno fatto protestato oggi pomeriggio a Parma contro le violenze che donne, bambini e uomini subiscono ogni giorno lungo la rotta balcanica, con l’unica colpa di tentare di raggiungere l’Italia per avere una vita migliore. 

Cronaca



manifestazione bosnia

Oltre 250 persone hanno fatto protestato oggi pomeriggio a Parma contro le violenze che donne, bambini e uomini subiscono ogni giorno lungo la rotta balcanica, con l’unica colpa di tentare di raggiungere l’Italia per avere una vita migliore. 

La manifestazione, indetta da Ciac (Centro immigrazione asilo e cooperazione internazionale) insieme a diverse realtà del terzo settore parmigiano, si è svolta sul ponto di Mezzo, nel pieno rispetto delle normative anticovid. L’iniziativa era parte integrante della serie di proteste “Un ponte di corpi” partita dalle associazioni triestine che quotidianamente lavorano al fianco di cittadini migranti che tentano di attraversare il confine. 

I manifestanti hanno pacificamente occupato la strada per poi srotolare una lunga bandiera della pace e bloccare simbolicamente il traffico all’incrocio con via Mazzini. In molti esponevano cartelli che chiedevano la fine delle violenze e il cambio della politica di Italia e Unione Europea rispetto ai migranti.

“La polizia di frontiera italiana – ha spiegato Emilio Rossi, presidente di Ciac – rimanda illegalmente i richiedenti asilo attraverso la Slovenia e la Croazia in Bosnia, dove vivono in condizioni disperate. Noi denunciamo che nonostante nella giornata della memoria si dica ‘mai più’, in realtà ora assistiamo a campi di concentramento alle frontiere creati anche con la complicità dell’Italia e dell’Europa e questo è disumano”.

CLICCA SULLE FOTO PER GUARDARE LA GALLERY

Iscriviti alla nostra NEWSLETTER

Rimani aggiornato sulle nostre attività, per sostenerci e diffonderle

Vuoi diventare tutor?

Vuoi diventare tutor?

Sei un singolo cittadino o una famiglia? Fai parte di un’associazione, una parrocchia, un circolo e vuoi dare un supporto concreto ai rifugiati? Puoi diventare tutor per l'integrazione, stringendo una relazione relazione con una persona rifugiata che abita nel tuo territorio. Questo percorso aprirà delle porte sui mondi di entrambi: la persona rifugiata troverà nuovi amici e un sostegno pratico ed emotivo, mentre il tutor avrà l’opportunità di vedere da vicino realtà spesso conosciute solo attraverso i toni allarmistici dei media e della politica.

Sei un rifugiato?

Sei un rifugiato?

Sei un rifugiato o una rifugiata e hai bisogno di un sostegno nel tuo percorso di inclusione sociale in Italia? Puoi iscriverti per entrare in contatto con un volontario/volontaria o un'associazione che allargherà le tue reti sociale e le tue conoscenze nel territorio in cui vivi. Potrai trovare aiuto nell'affrontare piccole e grandi sfide quotidiane, supporto emotivo, occasioni per parlare italiano al di fuori della formalità dei corsi e per scoprire la città insieme a nuovi amici.

diventa volontario

diventa volontario

Ci sono tanti modi per avvicinarsi a CIAC e diventare volontari attivi. In base alle proprie competenze e al tempo che si desidera mettere a disposizione, concorderemo un percorso di avvicinamento all’associazione e di affiancamento agli operatori, così da individuare insieme il modo migliore per valorizzare la vostra disponibilità.

Sostienici


DONA ORA!
Questo sito web utilizza i cookie
Questo sito o gli strumenti di terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
Ulteriori informazioni
design komunica.it | cms korallo.it