Logo CIAC Onlus
News(current) Contattaci DONA

‘Un ponte di corpi’ anche a Parma: 250 in presidio. “Basta al trattamento disumano dei migranti” - IL VIDEO

Oltre 250 persone hanno fatto protestato oggi pomeriggio a Parma contro le violenze che donne, bambini e uomini subiscono ogni giorno lungo la rotta balcanica, con l’unica colpa di tentare di raggiungere l’Italia per avere una vita migliore. 

Cronaca



manifestazione bosnia

Oltre 250 persone hanno fatto protestato oggi pomeriggio a Parma contro le violenze che donne, bambini e uomini subiscono ogni giorno lungo la rotta balcanica, con l’unica colpa di tentare di raggiungere l’Italia per avere una vita migliore. 

La manifestazione, indetta da Ciac (Centro immigrazione asilo e cooperazione internazionale) insieme a diverse realtà del terzo settore parmigiano, si è svolta sul ponto di Mezzo, nel pieno rispetto delle normative anticovid. L’iniziativa era parte integrante della serie di proteste “Un ponte di corpi” partita dalle associazioni triestine che quotidianamente lavorano al fianco di cittadini migranti che tentano di attraversare il confine. 

I manifestanti hanno pacificamente occupato la strada per poi srotolare una lunga bandiera della pace e bloccare simbolicamente il traffico all’incrocio con via Mazzini. In molti esponevano cartelli che chiedevano la fine delle violenze e il cambio della politica di Italia e Unione Europea rispetto ai migranti.

“La polizia di frontiera italiana – ha spiegato Emilio Rossi, presidente di Ciac – rimanda illegalmente i richiedenti asilo attraverso la Slovenia e la Croazia in Bosnia, dove vivono in condizioni disperate. Noi denunciamo che nonostante nella giornata della memoria si dica ‘mai più’, in realtà ora assistiamo a campi di concentramento alle frontiere creati anche con la complicità dell’Italia e dell’Europa e questo è disumano”.

CLICCA SULLE FOTO PER GUARDARE LA GALLERY

Cristo si è fermato a Lesbo: shame on you Europe, vergognati Europa

Cristo si è fermato a Lesbo: shame on you Europe, vergognati Europa

Ripubblichiamo con piacere un testo scritto da Paolo Scarpa e pubblicato su ITALIA LIBERA nei giorni scorsi. 

DIVERSE PROSSIMITA' - La mia esperienza da tutor territoriale per l'integrazione in tempi di pandemia

DIVERSE PROSSIMITA' - La mia esperienza da tutor territoriale per l'integrazione in tempi di pandemia

Nel tempo in cui la responsabilità collettiva richiama le distanze fisiche e il senso di solitudine rischia di ingombrare le nostre vite, è importante trovare altre strategie di prossimità per non interrompere quelli che sono i fili conduttori delle nostre relazioni interpersonali.  A settembre ho scelto di iniziare il percorso da tutor territoriale per l'integrazione: si tratta di un progetto di Ciac dal quale possono nascere esperienze di comunità interculturale e opportunità di socializzazione tra volontari e rifugiati.

Iscriviti alla nostra NEWSLETTER

Rimani aggiornato sulle nostre attività, per sostenerci e diffonderle

Questo sito web utilizza i cookie
Questo sito o gli strumenti di terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
Ulteriori informazioni
design komunica.it | cms korallo.it